Desktop del mese

  • Postato giugno 23, 2020

    Desktop del mese di Luglio 2020
    Avere a casa un pezzetto del Giardino Botanico... da oggi è possibile: scarica il Desktop del mese di Luglio!
    Protagonisti il Fiordaliso di Bicknell (Rhaponticum bicknellii (Briq.) Banfi, Galasso & Soldano) e un suo visitatore: probabilmente un'ape legnaiola (Xylocopa violacea Linnaeus, 1758) di generose dimensioni (2,5-3 cm) spesso scambiata per un calabrone (che appartiene a tutt'altra famiglia). Segnalata come insetto impollinatore di diverse specie di orchidee, pur possedendo un pungiglione molto robusto, raramente si manifesta con aggressività e anche il veleno ha una bassissima citotossicità provocando solo un leggerissimo gonfiore che presto svanisce.

  • Postato maggio 27, 2020

    Desktop del mese di Giugno 2020
    Avere a casa un pezzetto del Giardino Botanico... da oggi è possibile: scarica il Desktop del mese di Giugno!
    Protagonista il Maggiociondolo di montagna: nome volgare di Laburnum alpinum. Il termine generico deriva dal latino ed è di origine incerta: si è azzardata l'ipotesi di una radice comune con l'aggettivo "eburneum", cioè "color avorio", alludendo al colore del legno fresco. Per la presenza di un alcaloide ad azione paralizzante, presente in tutte le parti della pianta è specie fortemente velenosa!

  • Postato maggio 1, 2020

    Desktop del mese di Maggio 2020
    Avere a casa un pezzetto del Giardino Botanico... da oggi è possibile: scarica il Desktop del mese di Maggio!
    Protagonista il Crocus: si tratta di una delle bulbose più primaticce, fiorisce già alla fine dell'inverno. Quella ritratta è una delle tante varietà di C. tommasinianus, una specie originaria dell'Europa centro-orientale che prende il nome da Muzio G. Spirito de Tommasini (1794-1879), botanico e sindaco di Trieste.

  • Postato aprile 1, 2020

    Desktop del mese di Aprile 2020
    Avere a casa un pezzetto del Giardino Botanico... da oggi è possibile: scarica il Desktop del mese di Aprile!
    Protagonista il Fior di stecco: nome volgare di Daphne mezereum. Pianta legnosa diffusa dalla collina al piano subalpino (200-1800m) in tutta la Penisola (manca solamente in Puglia e nelle isole maggiori), deve il suo nome volgare alla fioritura che avviene prima dell'estensione fogliare. Il nome del genere è dedicato alla ninfa Dafne, che per sfuggire ad Apollo si trasformò in una pianta, mentre l'epiteto deriva forse dal persiano "mezeryn" uccidere, trattandosi di pianta altamente velenosa.

  • Postato marzo 15, 2020

    Desktop del mese di Marzo 2020
    Avere a casa un pezzetto del Giardino Botanico... da oggi è possibile: scarica il Desktop del mese di Marzo!
    Protagonista la Giunchiglia: un nome utilizzato volgarmente per i narcisi, originari dell’area mediterranea. Esistono più di 60 tra specie, sottospecie e forme spontanee, nonché un centinaio di varietà e ibridi naturali di narcisi, ma è soprattutto il numero di ibridi orticoli a sorprendere: ne sono stati registrati oltre 35000! Per approfondire le conoscenze sui narcisi e per trovare facilmente informazioni dettagliate, è possibile consultare due importanti banche dati: il registro mondiale dei nomi » della RHS e il sistema di ricerca DAFFSEEK » della Società americana dei narcisi (American Daffodil Society »

Per essere sempre informati sulle nostre attività, rimani in contatto con noi!