Minerali di Sardegna

Tra le collezioni che il Santuario di Oropa custodiva, e che ha affidato al Centro gestito dal Giardino Botanico, è compresa anche una collezione di minerali (gran parte provenienti dalla miniera sarda di Monteponi, nell'Iglesiente). Probabilmente il frutto della devozione di qualche fedele che, avendo trascorso un periodo lavorativo in quella località, ha voluto lasciarne testimonianza tangibile presso il Santuario.
La catalogazione della collezione e ad un'approfondimento delle ricerche storiche per conoscere meglio il donatore sono stati effettuati in occasione del 2011, anno delle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia.

Monteponi

La miniera di Monteponi è stata, senza dubbio, una delle maggiori miniere piombo-argentifere della Sardegna. Già in un documento del 1324 la località mineraria veniva indicata come MONTE PAONE.
Dal 1800 la miniera fu sotto il controllo diretto dello Stato e solo nel 1850 fu data in concessione ad un gruppo di imprenditori privati, tra i quali il banchiere Nicolay.  Presto si dovette affrontare il problema delle acque di infiltrazione che ostacolavano i lavori in profondità: il problema venne risolto con una lunghissima galleria, progettata dall'Ing. Gouin con l'approvazione di Quintino Sella, che dalla base della montagna portasse via l'acqua fino alla spiaggia di Funtanamare; un enorme tubo di scarico che avrebbe in questo modo "asciugato" buona parte del sottosuolo. Nel '900, gli anni della guerra furono per le miniere anni di estrema incertezza, ma nel dopoguerra vi fu una ripresa e le grandi produzioni degli anni cinquanta e sessanta costituirono l'apice della vita stessa di Monteponi. I decenni successivi, però, segnarono il declino lento ma ineluttabile fino alla chiusura.

Alcuni dettagli sulla collezione (costituita da un centinaio circa di campioni), nella scheda dell'evento "Tesori nascosti: le collezioni naturalistiche del Santuario di Oropa, recuperate e restituite al pubblico - La collezione mineralogica di Monteponi (Iglesias) conservata ad Oropa" all'interno di "Sulle tracce di Quintino Sella", consultabile nell' archivio degli eventi ».

Per essere sempre informati sulle nostre attività, rimani in contatto con noi!